menuall
L'ANGOLO DELLE REGIONI D'ITALIA

menuvert

EMILIA-ROMAGNA

MARCHE

UMBRIA

SARDEGNA
















-->

PERUGIA

PERUGIA, 493 metri sul livello del mare, circa 154.000 abitanti. Capoluogo di provincia. Santo Patrono: San Costanzo.

Perugia mantiene la sua identità di forma organica e fusa con la morfologia del colle che è diramato in più crinali .

Il colle su cui Perugia è costruita domina un incrocio di valli e di vie di comunicazione, tra Val Tiberina e Valle Umbra.

La città ha un profilo allungato segnato dai campanili e racchiuso tra le mura, alle quali da sempre si affida l'identità urbana.

UN PO' DI STORIA:

Secondo il mito medievale presente nel poema epico l' “Eulistea” di Bonifacio da Verona composto nel 1293, la fondazione di Perugia sarebbe stata opera di Euliste l'etrusco.

Secondo i dati archeologici risalirebbe tra la fine dell'età del Bronzo e l'inizio dell'età del Ferro e si sarebbe trattato di un insediamento perilacustre.

Inoltre è' nota l'esistenza, nel secolo IX a.C., di gruppi di capanne sulla sommità del colle.

Dalla fusione di questi due nuclei primitivi si struttura la città, che organizza il suo impianto dal secolo VI a.C. e diventa tra le più importanti della “dodecapoli” (federazione delle città principali dell'Etruria), forte della posizione di confine tra il territorio degli Etruschi e quello degli Umbri.

In età etrusca, il colle viene adattato all'impianto urbano con costruzioni artificiali, ma nello stesso tempo le grandi mura, in ampi blocchi di travertino ben squadrato (III-IV sec.), seguono un circuito trilobato, che per un percorso di tre chilometri recinge due alture separate sulle quali è attestata la città.

In età romana ( I sec. a.C.),sotto Augusto, la città viene investita da un programma di recupero edilizio che porta ad un'espansione anche al di fuori delle mura urbiche, con la costruzione dell'anfiteatro fuori porta Marzia, le terme nella Conca ( I sec. d.C.) e un presunto mausoleo sotto il campanile di S.Pietro.

In età paleocristiana si accentua sempre di più la crescita fuori dalle mura (S. Angelo, S. Pietro, S. Costanzo) che diviene costante con momentanee frenate durante le guerre barbariche (VI sec.) e gli assedi di Goti (548) e Longobardi. La rifondazione alto-medievale avviene sulla base dell'impianto etrusco-romano già preesistente.

Nel X secolo avviene la costruzione della nuova cattedrale entro le mura che avvia il rinnovamento urbanistico ed avviene nella piazza centrale che nell' XI secolo sarà conosciuta come la “piazza del Comune”. Essa rapporta i due governi, ecclesiastico e laico e quest'ultimo si concretizza con la costruzione del Palazzo dei Consoli sul lato occidentale.

Tra il 1200 e il 1300 la città vive un periodo di forte prosperità. Il governo comunale si consolida e allarga l'estensione del contado fino alle fertili terre del Trasimeno. Cominciano ad affiorare opere straordinarie tra le quali l'acquedotto da monte Pacciano, distante quattro chilometri dalla città, fino alla fonte di piazza (1254-76), considerata una meravigliosa espressione della cultura medievale; la “mostra delle acque”, perno simbolico della piazza e della città nel suo complesso, in qunato rappresentazione della “civitas” e della sua storia sacra e profana. Si tratta degli anni del governo mercantile (1293-1350 circa) la cui sede è rappresentata dal palazzo dei Priori.

Nel 1370 la città ritorna sotto lo Stato della Chiesa, ed a seguire, sotto le signorie Michelotti, Visconti, Fortebracci.

Dalla metà del '400, la famiglia Baglioni, filopapale, è protagonista della vita culturale e politica della città, arricchendola di palazzi ed opere di livello artistico, tra i quali il palazzo del Capitano (1473-81) e l'adiacente università vecchia (1483-1515).

Il governo di Roma, dopo aver riacquisito la città, si rende protagonista della costruzione della Rocca Paolina (1540-43), una fortezza costruita sopra un quartiere medievale interamente raso al suolo del quale rimangono alcuni resti.

La forma medievale della città, che resiste a tutt'oggi, ha subito delle alterazioni nella prima metà dell'800 con la costruzione della circonvallazione esterna alle mura e la demolizione della Rocca Paolina (1848-60) a seguito della fine dello Stato pontificio e la costruzione del Regno d'Italia.


Palazzo dei Priori e Fontana Maggiore


COSA VISITARE IN BREVE:
  • PIAZZA IV NOVEMBRE (“Piazza Grande”)
  • FONTANA MAGGIORE (o di Piazza)
  • CATTEDRALE
  • LOGGIA DI BRACCIO FORTEBRACCI
  • PALAZZO ARCIVESCOVILE
  • PALAZZO DEI PRIORI
  • CORSO VANNUCCI
  • PIAZZA MATTEOTTI
  • PALAZZO DELL'UNIVERSITA' VECCHIA
  • CHIESA DEL GESU'
  • PIAZZA FORTEBRACCIO
  • VIA DEI PRIORI

Perugia E DINTORNI::

  • LE NECROPOLI ETRUSCHE
  • VILLA SPERANDIO

Arco etrusco


Fontana di Piazza Italia


PIAZZA IV NOVEMBRE:

piazza asimmetrica, conosciuta anche come “Piazza Grande”, e fulcro urbanistico, civile e religioso di Perugia, si apre alla convergenza dei cinque assi viari che strutturano la città medievale. Spazio simbolico, scenografico, rappresentativo del potere politico-religioso, luogo privilegiato delle funzioni urbane della città etrusco-romana.

FONTANA MAGGIORE (o di Piazza):

perno urbanistico e visivo di piazza IV novembre, ad opera di Nicola Pisano e del figlio Giovanni (disegno e decorazione), di fra' Bevignate (1275-77 per la parte tecnica e architettonica) e di Boninsegna Veneziano (parte idraulica).

La fontana poggia su una gradinata circolare ed è composta da due vasche marmoree poligonali concentriche e da una tazza bronzea ed è il terminale dell'acquedotto urbano derivato dal monte Pacciano. La fontana ha subito restauri 1948-49 e nel 1999 a seguito di precedenti terremoti.

CATTEDRALE:

intitolata a S. Lorenzo con un imponente fianco sinistro, elevato su alta gradinata. Durante l'età comunale fu intitolata a S. Ercolano “defensor civitatis”. Si tratta di un'opera incompiuta, dovuta a fasi costruttive che si sono protratte per oltre sei secoli.

Fu consacrata nel 1569 e sopraelevata in mattoni nel XVII secolo. La nuda facciata incompiuta, adorna soltanto di un elegante portale, opera di Pietro Carattoli (1729), prospetta verso piazza Danti.

L'interno, del '400, si ispira alle “Hallenkirchen” nordiche. Tre navate slanciate, divise da pilastri ottagonali con bei capitelli che reggono archi e volte ogivali con costoloni, frescate nella seconda metà del '700. La navata mediana è larga il doppio delle laterali e termina con un'ampia abside poligonale. Arricchito nel '700 con di decorazioni e stucchi, fu infine restaurato a metà dell'Ottocento.

LOGGIA DI BRACCIO FORTEBRACCI:

addossata in continuazione del fianco della cattedrale, rivolto alla Piazza IV Novembre, fu fatta costruire nel 1423 dal signore di Perugia in collegamento con il vicino Palazzo dei Consoli, e utilizzata come terrazza. La semplice architettura, attribuita a Fioravante Fioravanti e in origine connessa a via Maestà delle Volte mediante scalinata, si compone di quattro archi, uno dei quali parzialmente chiuso, su pilastri ottagonali; una quinta arcata, a destra, venne demolita nel 1555.

Sotto la prima arcata sono visibili i resti del campanile dodecagono, su basamento romano, addossato alla primitiva cattedrale, abbattuto nel XIV secolo.

PALAZZO ARCIVESCOVILE:

si trova al di là della Loggia, dopo l'ex palazzo del Seminario.

Incorpora i resti del complesso del primitivo palazzo dei consoli, poi del Podestà, esistente prima del Mille, rovinato nel 1534 causa incendio (appiccato pare da Ridolfo Baglioni).

L'androne è decorato in fondo da un a prospettiva settecentesca.

PALAZZO DEI PRIORI:

possente complesso gotico del “Palatium Novum Populi” che dà forma compiuta alle ambizioni di potenza e di fierezza del Comune perugino e realizza una delle più grandiose espressioni architettoniche della civiltà medievale italiana.

L'articolazione dei volumi, le asimmetrie e l'irregolarità dell'impianto evidenziano la lunga fase costruttiva che si è protratta dal 1293-97 al 1443 con l'utilizzo di strutture edilizie preesistenti.

Il palazzo è sede del comune di Perugia e della Galleria nazionale dell'Umbria.

Dal portale aperto sulla piazza si accede alla medievale sala del Popolo, nel 1582 divenuta sede dell'Arte dei Notai e denominata SALA DEI NOTARI.

Fontana Maggiore


DUOMO - Cattedrale di San Lorenzo

- Fontana Maggiore -

-- Piazza IV Novembre --


DUOMO - Cattedrale di San Lorenzo


Palazzo dei Priori


Palazzo dei Priori - ingresso


Via Volte della Pace


Vicolo


Panorama


Panorama


Panorama


Panorama




Fonti Bibliografiche: UMBRIA Guide d'Italia - Touring Club Italiano
© Webmaster: Salvofutur - Tutti i diritti sono riservati
I loghi e i marchi qui presenti, sono di proprietà dei rispettivi proprietari
Salvofutur e i suoi Webmasters non sono responsabili del contenuto dei siti collegati


I tuoi acquisti sicuri e convenienti su Salvofutur: sconti


Onsitus Weblink Morpheusweb.it - Risorse per webmaster.